Osservatorio

osservatorio AIC pittogrammaosservatorio AIC logo

Norme per gli autori

 

1. L’Osservatorio costituzionale è una rivista con finalità scientifica, promossa dall’Associazione Italiana dei Costituzionalisti (AIC).

2. Per il triennio 2019-2021, direttore responsabile è il presidente dell’AIC, professor Gaetano Silvestri; direttori scientifici sono i professori Beniamino Caravita di Toritto, Nicola Grasso e Anna Mastromarino. Il consiglio scientifico è formato dai membri del direttivo in carica. Il comitato editoriale è formato dai tre direttori scientifici, dai coordinatori delle singole sezioni e dai segretari della redazione.

3. La periodicità dei numeri dell’Osservatorio è bimestrale, con anticipazioni mensili. Il primo martedì di ciascun mese pari è pubblicato il numero bimestrale fascicolato; il primo martedì di ciascun mese dispari è pubblicata l’anticipazione.

4. L’Osservatorio costituzionale si articola nelle seguenti quattro sezioni: note di attualità, commenti normativi, giurisprudenza e recensioni.
La sezione note di attualità pubblica contributi che presentano un collegamento con la cronaca costituzionale ed istituzionale, sia italiana che straniera; in questo contesto la redazione può proporre delle call for papers, per alimentare il dibattito e il confronto su tematiche di particolare interesse.
La sezione commenti normativi ospita contributi che pongono l’attenzione su novità normative che necessitano di letture immediate e che presentano profili che meritano una segnalazione ragionata alla comunità scientifica.
La sezione giurisprudenza raccoglie note a sentenza, che analizzano o commentano le novità giurisprudenziali che presentano profili di interesse per la comunità scientifica: rassegne di giurisprudenza, che operano una ricognizione ragionata delle pronunce delle varie Corti, con preferenza per le rassegne che si occupano di specifiche tematiche di interesse costituzionale.
La sezione recensioni ospita è dedicata a contributi che segnalano alla comunità scientifica novità bibliografiche, promuovendo un dialogo critico con l’autore; in tale sezione sono ospitate anche le schede bibliografiche, che operano una rassegna ragionata della bibliografia relativa a specifici temi di interesse.

5. I contributi potranno essere presentati, avuto cura di rispettare i criteri redazionali pubblicati, alla Rivista dagli autori spontaneamente o dietro espresso invito di una delle Redazioni, e inviati, indicando la sezione di destinazione e in formato word, ai Direttori Scientifici ai seguenti indirizzi di posta elettronica: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

6. I contributi di cui si propone la pubblicazione devono essere originali e non possono essere già stati pubblicati su altra rivista. Possono essere pubblicate anticipazioni di contributi destinati alla pubblicazione in riviste cartacee, previa autorizzazione dei direttori scientifici; di tale circostanza è data specifica indicazione in calce al testo pubblicato. I testi devono comunque essere già stati sottoposti a referaggio e della circostanza deve essere data prova. In casi eccezionali la Direzione potrà autorizzare la pubblicazione di contributi destinati a raccolte collettanee o Studi in onore o in memoria: in tali casi non verrà disposto il referaggio, in linea con le direttive ANVUR, ma la particolare destinazione dovrà essere espressamente indicata in nota. Infine, la Direzione potrà attivare forum tematici mediante apposite call for papers. Per tali iniziative potrà essere prevista dalla direzione una tempistica di pubblicazione dei contributi diversa e più ravvicinata rispetto alla ordinaria periodicità di pubblicazione della rivista. In ogni caso, anche i contributi inviati in tali contesti saranno debitamente sottoposti a referaggio anonimo. Si segnala infine che per quanto attiene la sezione Recensioni, i soli contributi pubblicati con l’espressa denominazione di Schede di Recensione, non saranno sottoposti alla procedura di referaggio.

7. Ciascun contributo verrà sottoposto a una prima lettura preliminare da parte della Direzione Scientifica e della Redazione competente della Rivista al fine di verificare la sussistenza dei requisiti minimi di ammissibilità, sia sul piano metodologico-scientifico, sia per quanto attiene alla coerenza con la natura e gli obiettivi della Rivista. In caso di criticità, l’Autore verrà sollecitato dalla Redazione competente ad apportare le dovute integrazioni. La Rivista procederà parimenti nel caso in cui il contributo si presenti non conforme alle presenti linee guida o non abbia tenuto conto dei criteri redazionali pubblicati.
Se all’esito dell’esame preliminare il contributo non presenta esigenze di ulteriore intervento da parte dell’Autore, o una volta da questi corretto secondo le indicazioni ricevute, lo stesso sarà sottoposto a referaggio esterno anonimo. Sarà cura della Segreteria di Redazione informare l’Autore dell’inizio della procedura di referaggio.
Il referee viene individuato dai Direttori Scientifici, tenendo conto delle competenze specifiche del valutatore in relazione ai contenuti trattati nel contributo oggetto di esame, nonché per garantire l’assoluto anonimato del giudizio e la qualità scientifica dei lavori pubblicati.
Unitamente al contributo in forma anonima, la Segreteria di Redazione invierà al referee una scheda di valutazione da compilare secondo le indicazioni ivi contenute indicativamente nel termine di 10 giorni dalla formalizzazione dell’incarico.
L’esito del referaggio potrà portare a una valutazione positiva, a una richiesta di revisione o a un giudizio di non pubblicabilità del contributo.
Nel primo caso, si procederà direttamente alla pubblicazione, previa lettura finale da parte dell’Autore, secondo le tempistiche della Rivista.
Laddove il referee ritenga necessaria una revisione, la Segreteria di Redazione invierà la scheda di referaggio debitamente anonimizzata all’Autore il quale, entro 5 giorni, dovrà comunicare se intende modificare o meno il contributo secondo le richieste avanzate. Nel caso in cui l’autore si dichiari non disponibile a integrare il proprio lavoro, non si potrà procedere alla pubblicazione sulla Rivista.
L’Autore che comunichi di voler intervenire sul testo con le revisioni necessarie ai fini della pubblicazione sarà altresì tenuto a formattare il contributo secondo le indicazioni di cui alle note redazionali di questa Rivista, anche avvalendosi del template direttamente scaricabile da questa pagina:

Visualizza le note redazionali (pdf)  •  Scarica il template (doc)

8. I contributi di cui si propone la pubblicazione devono avere un formato compreso tra 20 mila e 80 mila caratteri, spazi inclusi e comprese le note; devono essere dotati di un abstract in lingua inglese e corredati da note a piè pagina o, in alternativa, di citazioni puntali nel corpo del testo, con la lista dei riferimenti bibliografici in fondo al testo. Si raccomanda l’uso di titoli brevi, che esplicitino immediatamente al lettore quale sia l’argomento trattato nel contributo proposto.

9. Per tutto quanto non previsto dalle presenti linee guida si rinvia al regolamento dell’ANVUR recante “Criteri di classificazione delle riviste ai fini dell’abilitazione scientifica nazionale” e al suo documento di accompagnamento.

 

Cerca nel sito

I siti AIC

Osservatorio

Ultimo fascicolo

Osservatorio AIC Fascicolo 5 2019

Newsletter dell'Osservatorio AIC

Per ricevere periodicamente aggiornamenti sulle nostre novità.
Iscrivendomi acconsento al trattamento dei dati secondo la normativa sulla privacy.
banner cacuccied
banner giappichelli
banner
banner
banner

L'Associazione Italiana dei Costituzionalisti è iscritta al Registro degli Operatori della Comunicazione a far data dal 09.10.2013 con n. 23897.
La rivista Osservatorio costituzionale è ivi registrata ai sensi dell'art. 16 della legge n. 62 del 2001. Direttore responsabile dell'Osservatorio costituzionale è il Prof. Massimo Luciani. Direttori scientifici dell'Osservatorio costituzionale sono il Prof. Giorgio Grasso e la Prof.ssa Anna Maria Nico.


ilmiositojoomla.it