Osservatorio

osservatorio AIC pittogrammaosservatorio AIC logo

"SAME SEX MARRIAGE E RICONOSCIMENTO DELLE UNIONI TRA PERSONE DELLO STESSO SESSO: MATERIALI DI DIRITTO COMPARATO"

 

Il materiale presentato in questo Dossier mira a fornire – con uno strumento di ricerca agile ed efficace – un quadro sufficientemente esaustivo del diritto comparato in tema di riconoscimento delle unioni tra persone dello stesso sesso.
Non è stato possibile, ovviamente, coprire l’intero panorama del diritto comparato; mancano, ad esempio, esperienze importanti come quelle del Sudafrica, e di Paesi nordeuropei come Danimarca, Olanda, Norvegia e Svezia.
L’attenzione è stata concentrata, tuttavia, su alcune esperienze significative, sia per gli strumenti attraverso i quali il riconoscimento è stato raggiunto, sia, più in generale, per i tratti evolutivi mostrati dal processo politico e dal dibattito giuridico e costituzionale, specie con riferimento al progressivo passaggio dal riconoscimento di unioni civili “paramatrimoniali” alla piena estensione dell’accesso all’istituto del matrimonio.
Degno di nota, in particolare, il ruolo della giurisprudenza, costituzionale e non solo, che – specie in caso di inerzia del legislatore – ha provveduto ad estendere in via pretoria l’accesso all’istituto matrimoniale per le coppie formate da persone dello stesso sesso; è il caso, ad esempio, del Messico e di buona parte dell’America Latina di lingua spagnola. In alcune di queste esperienze, peraltro, l’apertura da parte della giurisprudenza è stata recepita e definitivamente consacrata dall’intervento del legislatore (ad esempio, nel caso argentino).
In altri casi, come quello brasiliano e quello statunitense, l’intervento della giurisprudenza (e del legislatore) si intreccia con la peculiare rilevanza dell’esperienza federale, con tutti i connessi problemi legati all’effettiva eguaglianza di condizioni tra i cittadini residenti in stati diversi ma anche alla peculiare conformazione delle “prestazioni” dei sistemi federali in materia di diritti fondamentali.
Altrettanto rilevante, ad esempio con riferimento all’esperienza degli stati europei considerati nella Sezione I, la tendenza al passaggio da unioni di tipo “paramatrimoniale” alla piena estensione dell’accesso al matrimonio che si intreccia profondamente con profili teorici ed interpretativi assai rilevanti, legati ai percorsi evolutivi nell’interpretazione della garanzia di istituto relativa al matrimonio (cfr. la vicenda interpretativa dell’art. 6 della Legge Fondamentale tedesca).
Il Dossier è suddiviso in tre Sezioni; ciascuna Sezione si compone di un indice dei materiali (cui si fa rinvio attraverso il link alle pagine web in cui sono riportati) e di una Guida alla lettura. Nella sezione I, curata da Angelo Schillaci, si dà conto dell’esperienza francese, tedesca e britannica; la sezione II, curata da Renato Ibrido, ha ad oggetto l’esperienza della Spagna e di alcuni paesi dell’America Latina di lingua spagnola. Infine, la terza sezione, curata da Andrea Romano, è relativa all’esperienza portoghese, brasiliana e statunitense.


Materiali:

  1. "Same sex marriage" e riconoscimento delle unioni tra persone dello stesso sesso: materiali di diritto comparato - Presentazione
  2. "Same sex marriage" e riconoscimento delle unioni tra persone dello stesso sesso: materiali di diritto comparato - Sezione I
  3. "Same sex marriage" e riconoscimento delle unioni tra persone dello stesso sesso: materiali di diritto comparato - Sezione II
  4. "Same sex marriage" e riconoscimento delle unioni tra persone dello stesso sesso: materiali di diritto comparato - Sezione III
NUMERO E ARGOMENTI:  
banner cacuccied
banner giappichelli
banner
banner
banner

L'Associazione Italiana dei Costituzionalisti è iscritta al Registro degli Operatori della Comunicazione a far data dal 09.10.2013 con n. 23897.
La rivista Osservatorio costituzionale è ivi registrata ai sensi dell'art. 16 della legge n. 62 del 2001. Direttore responsabile dell'Osservatorio costituzionale è il Prof. Massimo Luciani. Direttori scientifici dell'Osservatorio costituzionale sono il Prof. Giorgio Grasso e la Prof.ssa Anna Maria Nico.


ilmiositojoomla.it