Osservatorio

osservatorio AIC pittogrammaosservatorio AIC logo

Il controllo parlamentare e le trasformazioni della rappresentanza politica

Visualizza

Il Parlamento che discute dell'epoca liberale, espressione della rappresentanza politica come scelta e governo dei migliori, svolge un controllo di tipo individualistico, espressione diretta e continua della funzione rappresentativa. Il Parlamento dello Stato democratico e sociale dell'epoca del fordismo è espressione di una rappresentanza politica fortemente segnata dal ruolo dei partiti e in questo nuovo contesto il mandato rappresentativo del singolo parlamentare (l'anima del controllo nel Parlamento liberale) viene assorbito nel mandato conferito dagli elettori al partito sulla base del programma da questo annunciato. I programmi dei singoli partiti di maggioranza si fondono nel programma di governo; il programma di governo diventa il parametro del controllo e il controllo diventa lo strumento per verificare la conformità dell'azione del Governo a quel parametro e la misura del controllo è la sanzione della sfiducia, ossia la rottura dell'accordo di maggioranza che sostiene il Governo. Questo spiega perché in Italia la dottrina costituzionalistica largamente dominante, specie a partire dagli anni 70, tende a non considerare il profilo rappresentativo delle attività di controllo e a focalizzarsi sul meccanismo parametro-verifica-sanzione. Oggi, a seguito delle trasformazioni che la rappresentanza politica ha subito e subisce per effetto della fine della società fordista e quindi dei fenomeni epocali della digitalizzazione, della finanziarizzazione e della globalizzazione dell'economia, il controllo parlamentare tende a sganciarsi dalla rappresentanza politica  e a porsi come controllo-valutazione, tende cioè a vigilare affinché decisioni, politiche e linee di azione di altri soggetti siano di “buona qualità”.

NUMERO E ARGOMENTI:    

Cerca nel sito

I siti AIC

Osservatorio

Ultimo fascicolo

Osservatorio AIC Fascicolo 1-2 2019

Newsletter dell'Osservatorio AIC

Per ricevere periodicamente aggiornamenti sulle nostre novità.
Iscrivendomi acconsento al trattamento dei dati secondo la normativa sulla privacy.
banner cacuccied
banner giappichelli
banner
banner
banner

L'Associazione Italiana dei Costituzionalisti è iscritta al Registro degli Operatori della Comunicazione a far data dal 09.10.2013 con n. 23897.
La rivista Osservatorio costituzionale è ivi registrata ai sensi dell'art. 16 della legge n. 62 del 2001. Direttore responsabile dell'Osservatorio costituzionale è il Prof. Massimo Luciani. Direttori scientifici dell'Osservatorio costituzionale sono il Prof. Giorgio Grasso e la Prof.ssa Anna Maria Nico.


ilmiositojoomla.it