Osservatorio

osservatorio AIC pittogrammaosservatorio AIC logo

IL GOVERNO PARLAMENTARE DELLA COSTITUZIONE E LE INNOVAZIONI POSSIBILI

Visualizza

Nel rileggere la tortuosa traiettoria nei decenni che hanno, volta a volta, impegnato il confronto costituzionale, in termini di virtuale innovazione e riforma del profilo delle istituzioni, come si sa, ci si è mossi dai pioneristici Comitati Riz e Bonifacio, fino alle Bicamerali Bozzi, De Mita-Iotti e D’Alema, con svariate, innumerevoli altre proposte politico-parlamentari, sempre naufragate; mai si è raggiunto un punto finale di equilibrio. Anzi, quasi sempre, molto dirompente si è presentato il distacco talora avvertito fra “letture scientifiche” giuridico-costituzionali della revisione possibile ed esigenze “suggerite in sede politica” e nell’allora avviata discussione di partenza in merito a una c.d. “ingegneria costituzionale”, anche propedeutica alla c.d. “grande riforma”, come ambiti idonei per assecondare programmi e formule del cambiamento, con iniziative di piccola o più profonda manutenzione del sistema. E, va detto, che proprio per la lunghissima evoluzione di tale estenuante percorso, ora parlamentare o politico-istituzionale, ora esclusivamente progettuale o ideale, assai di frequente, le suggestioni del contingente sono affiorate come elementi protagonisti della dialettica in corso, come segnalati punti di frattura della democrazia italiana in crisi. 

NUMERO E ARGOMENTI:    
banner cacuccied
banner giappichelli
banner
banner
banner

L'Associazione Italiana dei Costituzionalisti è iscritta al Registro degli Operatori della Comunicazione a far data dal 09.10.2013 con n. 23897.
La rivista Osservatorio costituzionale è ivi registrata ai sensi dell'art. 16 della legge n. 62 del 2001. Direttore responsabile dell'Osservatorio costituzionale è il Prof. Massimo Luciani. Direttori scientifici dell'Osservatorio costituzionale sono il Prof. Giorgio Grasso e la Prof.ssa Anna Maria Nico.


ilmiositojoomla.it