Osservatorio

osservatorio AIC pittogrammaosservatorio AIC logo

IL SENATO DELLE CONOSCENZE NEL RAPPORTO CON LE FORMAZIONI SOCIALI DI ALTA CULTURA E DI RAPPRESENTANZA DELLE COMPETENZE E DELLA SCIENZA

Visualizza


1. Presupposti della riforma del bicameralismo. Il declino del disegno di legge costituzionale di disapplicazione dell’articolo 138 Cost. in seguito allo sgretolarsi della maggioranza che, al principio della legislatura, sosteneva il Governo Letta, sembra schiudere definitivamente il campo ai propositi di revisione costituzionale del bicameralismo. E’ noto che il dibattito sulla disciplina costituzionale sulle funzioni e sulla composizione Senato della Repubblica non si è mai arrestato sin dalla chiusura dei lavori della Costituente. Eppure, non sempre si distinguono  le ragioni attuali e gli impulsi risalenti alla base delle proposte di modifica costituzionale della composizione e delle funzioni del Senato.
Tradizionalmente, le si può convenzionalmente ricondurre a due aree corrispondenti ad altrettante ideologie costituzionali imperanti. La più diffusa e avvertita è quella che, con l’eliminazione del bicameralismo paritetico, vorrebbe operare un correttivo alla forma di governo, così da scaricare dalla legge elettorale l’onere di riprodurre una governabilità omogenea presso le due Camere; di qui un'istintiva soluzione conduce a che non più entrambi i rami del Parlamento siano chiamati ad accordare e revocare la fiducia. Peraltro, sia accennato per inciso, così operando, non si sbarra, e anzi forse si prepara, la via per una (successiva) modifica dello statuto costituzionale della forma di governo intrisa di suggestioni semipresidenziali o neopremierali.
La seconda prospettiva di riforma del Senato affonda le radici in una modifica del rapporto tra centro ed enti territoriali che dunque guarderebbe al futuro di Palazzo Madama nell’ottica di una Camera delle autonomie, quando non di un‘Assemblea catalizzatrice di istanze federaliste. 

banner cacuccied
banner giappichelli
banner
banner
banner

L'Associazione Italiana dei Costituzionalisti è iscritta al Registro degli Operatori della Comunicazione a far data dal 09.10.2013 con n. 23897.
La rivista Osservatorio costituzionale è ivi registrata ai sensi dell'art. 16 della legge n. 62 del 2001. Direttore responsabile dell'Osservatorio costituzionale è il Prof. Massimo Luciani. Direttori scientifici dell'Osservatorio costituzionale sono il Prof. Giorgio Grasso e la Prof.ssa Anna Maria Nico.


ilmiositojoomla.it