Osservatorio

osservatorio AIC pittogrammaosservatorio AIC logo

LA RIFORMA ABBANDONATA

Visualizza

Con l’annuncio, a fine anno, da parte del Presidente della Repubblica che le riforme costituzionali «restano una priorità» ma «le procedure da seguire (…) sono rimaste quelle originarie», è stata ufficialmente chiuso il capitolo delle riforme costituzionali previste dal disegno di legge costituzionale n. 813 A.S. (di seguito, d.d.l. n. 813). Sarebbe però un errore fare finta di niente e non parlarne più. Un silenzio che, in un futuro anche prossimo, potrebbe consentire di riesumare ancora una volta il metodo di revisione costituzionale “derogatorio”, “speciale” e “straordinario” incentrato su una Commissione bicamerale per le riforme, già tentato infruttuosamente nel 1993, nel 1997 e, da ultimo, nel 2013. Dovrebbe piuttosto aprirsi un ampio dibattito, in sede istituzionale oltre che  scientifica, nel quale siano discussi i molti aspetti controversi del d.d.l. n. 813, di cui cercherò qui di seguito di evidenziare almeno i tre più importanti.
Il primo è costituito dalla lampante contraddizione tra il formale ossequio all’art. 138 - ritenuto tuttora idoneo a “garantire” i valori e i princìpi della nostra Costituzione mediante il procedimento di revisione ivi previsto (e perciò non modificato) - e la previsione di un metodo “alternativo”, una tantum (!), per le riforme costituzionali.

NUMERO E ARGOMENTI:    
banner cacuccied
banner giappichelli
banner
banner
banner

L'Associazione Italiana dei Costituzionalisti è iscritta al Registro degli Operatori della Comunicazione a far data dal 09.10.2013 con n. 23897.
La rivista Osservatorio costituzionale è ivi registrata ai sensi dell'art. 16 della legge n. 62 del 2001. Direttore responsabile dell'Osservatorio costituzionale è il Prof. Massimo Luciani. Direttori scientifici dell'Osservatorio costituzionale sono il Prof. Giorgio Grasso e la Prof.ssa Anna Maria Nico.


ilmiositojoomla.it